Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere flatting e vernici per esterno

Flatting e vernici per esterno servono a proteggere il legno da pioggia, vento, grandine, neve, eccessiva umidità e raggi UV. A differenza degli impregnanti, entrambi formano una pellicola rigida in superficie, impermeabile e molto resistente. Si possono applicare su legno grezzo o impregnato.


Quando è meglio usare un flatting o una vernice

Per scegliere il prodotto giusto, tra flatting e vernice per esterno, è necessario conoscere il clima della località in cui va applicato. La vernice è resistente ed elastica, indicata per climi moderati. Il flatting invece, è la soluzione migliore per climi estremi, marini o di montagna.

Scegli in base al tipo di supporto e alle condizioni climatiche:

Vernice all'acqua, buona resistenza

Vernice all'acqua, buona resistenza

È consigliata per applicazione su oggetti in legno posti in esterno in climi moderati; ideale per persiane, scuri, porte, finestre, balaustre e casette da giardino.

Flatting ad acqua

Flatting ad acqua, alta resistenza

Ideale per chalet di montagna, cabine spogliatoio di stabilimenti balneari, persiane, scuri, porte, finestre, balaustre e casette da giardino in legno in esterni esposti a climi rigidi. Grazie alla formula gel puoi applicarlo con facilità anche al soffitto perché non cola.

Flatting a solvente

Flatting a solvente, alta resistenza

Ideale per chalet di montagna, imbarcazioni, cabine spogliatoio di stabilimenti balneari, persiane e scuri, porte, finestre, balaustre e casette da giardino in legno sottoposti a climi estremi, marini o di montagna.

SCOPRI I FLATTING E LE VERNICI PER ESTERNO

 

Flatting e vernici rendono il legno più resistente a lungo:

  • sia la vernice che il flatting possono essere utilizzati sul legno grezzo e sul legno già trattato.

  • creano una pellicola impermeabile che protegge il legno da umidità, pioggia, neve, sole e raggi UV. I flatting marini proteggono anche dalla salsedine.

  • aumentano la durata del legno che necessita così di meno manutenzione.

  • con il tempo però la pellicola tende a screpolare e a sfogliarsi, pertanto prima di una nuova applicazione è necessario carteggiare e rimuovere i residui del vecchio strato.

 

Le vernici sono più indicate per:

  • persiane e scuri

  • porte

  • finestre

  • balaustre

  • casette da giardino

 

Il flatting è l’ideale per:

  • chalet di montagna

  • cabine spogliatoio di stabilimenti balneari

  • imbarcazioni

  • persiane e scuri

  • porte

  • finestre

  • balaustre

  • casette da giardino

Flatting e vernici, ad acqua o a solvente?

La prima distinzione riguarda la formulazione, che può essere a base d’acqua o di solvente. Entrambe le soluzioni sono equiparabili dal punto di vista qualitativo, ma in funzione dei componenti chimici usati, rispondono più efficacemente alle condizioni metereologiche più estreme.

Vernice ad acqua

Flatting o vernici ad acqua

Possono essere usati sia per gli esterni sia per gli interni perché sono inodore. Inoltre, asciugano rapidamente e gli attrezzi utilizzati si possono pulire facilmente con acqua. Flatting e vernici ad acqua rispettano l’ambiente perché emettono meno sostanze nocive.

Flatting a solvente

Flatting o vernici a solvente

Grazie a una formulazione di resine e solventi specifici, questi prodotti sono molto resistenti agli urti, ai graffi e alle aggressioni dei fattori climatici. Sono consigliati solo per uso in esterno perché hanno un odore di solvente.

SCOPRI I FLATTING E LE VERNICI PER ESTERNO

 

Considera anche la praticità:

  • se scegli un prodotto ad acqua puoi pulire pennelli e rulli semplicemente con acqua.

  • se opti per un prodotto a solvente, ricorda che per pulire gli attrezzi usati occorre usare un solvente, ad esempio l’acquaragia.

  • la formulazione gel, ad acqua o a solvente, è facile da applicare anche a soffitto perché non cola.

Colore e finitura di flatting e vernici

Colore e finitura di flatting e vernici

Flatting e vernici per esterno creano un film sulla superficie, a differenza degli impregnanti che penetrano in profondità nel legno.

Se scegli un prodotto incolore, l’effetto è trasparente, non copre le venature e mantiene l’aspetto originario del legno. Un prodotto colorato invece copre le venature del legno e protegge maggiormente il legno dai raggi solari grazie ai pigmenti.

Puoi scegliere tra:

  • toni del legno: valorizzano la venatura conferendo una colorazione propria di alcune essenze del legno, come ad esempio l’effetto noce, douglas, ciliegio, mogano e molti altri.

  • toni di tendenza: donano un tocco di modernità, grazie a colori come il bianco, il verde e molti altri.

  • flatting e vernici incolore: preservano l’aspetto originale del legno.

 

Ogni colore può avere una finitura:

  • satinata: esalta l’aspetto naturale ed elegante del legno

  • lucida: accentua la tonalità del colore scelto.

 

Meglio un colore chiaro o un colore scuro?

L’effetto finale che otterrai dipende dalla tonalità del legno allo stato grezzo. Nella scelta del colore quindi, tieni conto del colore originario del legno e verifica che la tonalità che ti piace non ne sia troppo distante. Se sei indeciso tra due tinte, opta per quella più chiara. Potrai scurire il tono applicando una mano di prodotto in più. Viceversa, se il colore scelto è troppo scuro, non potrai schiarirlo se non con l’uso di uno sverniciatore per riportare il legno allo stato grezzo.


Come applicare vernici e flatting

Vernici e flatting creano una pellicola protettiva sul legno che con il tempo e con i raggi solari tende a screpolarsi e a fare il classico effetto di “sfogliare”. Per fare manutenzione periodica occorre carteggiare la superficie per rimuovere totalmente il vecchio strato prima di procedere con una nuova applicazione. La prima operazione da effettuare è quella di verificare lo stato del legno e preparare la superficie da trattare.

leggi di più

Legno nuovo e mai trattato:

Ti consigliamo di applicare prima un trattamento protettivo fungicida, insetticida e antitarlo. Poi prepara la superficie carteggiandola leggermente e rimuovendo i residui di polvere con un panno.

 

Legno già impregnato:

Per mantenere al meglio il colore, puoi rinnovare l’applicazione ogni volta che il legno appare ingrigito o schiarito. Se vuoi cambiare il colore invece, utilizza prima uno sverniciatore per rimuovere il colore esistente. Prepara poi la superficie carteggiandola e rimuovi i residui di polvere con un panno.

 

Legno verniciato con smalto o flatting:

Utilizza prima uno sverniciatore per eliminare gli strati di vernice e riportare il legno allo stato grezzo. Prepara poi la superficie carteggiandola e rimuovi i residui di polvere con un panno.

 

Se ci sono fori:

Ripara la superficie con un stucco speciale per legno.

 

Quando applicare il flatting o la vernice:

Il legno deve essere pulito e asciutto. Se è bagnato, ti consigliamo aspettare che si asciughi totalmente. Le stagioni secche e calde sono le migliori per trattare il legno, ma fai attenzione a non scegliere giornate troppo calde.

 

Che strumento utilizzare per applicare vernici e flatting:

Usa un pennello, una pennellessa, un rullo oppure una pistola a spruzzo. Quest’ultimo strumento è da evitare se hai acquistato un prodotto con formula gel. Per un migliore risultato ti consigliamo di applicare almeno due mani di prodotto. Non caricare troppo il pennello o il rullo per evitare colature oppure scegli la formula gel per evitare il gocciolamento del prodotto.