Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere uno smalto per legno da esterno

Tutte le superfici esterne in legno sono esposte a molteplici attacchi. Agenti che ne compromettono sia l’estetica che la resistenza. Per proteggere il legno dagli attacchi esterni, è dunque fondamentale usare vernici specifiche, come un impregnante o uno smalto per legno da esterno, che oltre ad avere proprietà fungicide e repellenti agli insetti possano anche ravvivare i rivestimenti in legno.


Perché usare uno smalto per legno da esterno

Perché usare uno smalto per legno da esterno

Esposto ad agenti atmosferici di vario tipo (pioggia, sole, freddo, salsedine etc.), il legno da esterno si degrada fisiologicamente con il passare del tempo: tende a gonfiarsi e a deformarsi, causando lo sfaldamento del rivestimento. Per durare nel tempo, un manufatto in legno esposto all’esterno necessita quindi di una vernice specifica, che lo protegge e lo abbellisce.

Per questo motivo si può usare un impregnante o uno smalto per legno da esterno. Un impregnante penetra all’interno del legno, lasciando in vista le sue venature; protegge efficacemente il legno dalle aggressioni degli agenti atmosferici e conferisce al legno un aspetto naturale. Uno smalto per legno invece, forma sulla superficie del legno una pellicola, resistente e omogenea del colore desiderato. Copre totalmente le venature del legno, lo impermeabilizza e lo rende invulnerabile agli agenti esterni.

SCOPRI SUBITO GLI SMALTI PER ESTERNO

Uno smalto per legno esterno offre numerosi vantaggi:

  • uno smalto per legno da esterno protegge e conserva il legno grazie alla sua azione fungicida e insetticida, con il risultato di renderlo più resistente e più bello.

  • è microporoso, consente al supporto di respirare, favorendo la fuoriuscita dell’umidità senza alterare il film superficiale creato dallo smalto.

  • leggermente elastico, asseconda i naturali “movimenti” del legno.

  • è resistente alle intemperie, ai raggi UV e garantisce una buona tenuta del colore nel tempo.

Smalto per legno, ad acqua o a solvente?

Smalto per legno, ad acqua o a solvente?

Gli smalti per legno si distinguono in base alla loro composizione chimica:

  • a base acqua: inodore, contiene meno composti organici volatili ed è quindi più salutare e rispettoso dell’ambiente. Asciuga in fretta e, una volta terminato il lavoro, gli attrezzi si puliscono facilmente con l’acqua.

  • a base solvente: presenta un tempo di asciugatura maggiore e un odore più forte. Ottime l’aderenza e la resistenza all’umidità. Il solvente più comune con cui pulire gli attrezzi a fine lavoro è l'acquaragia.

 

Una volta scelta la composizione, tieni in conto queste due caratteristiche tecniche:

  • tempo di asciugatura: tra una mano e l’altra e totale, è un’informazione importante per valutare l’applicazione dello smalto in esterno a seconda delle condizioni climatiche.

  • resa dello smalto: si riferisce al numero di metri quadrati che si possono dipingere (in una sola mano) con un litro di smalto. Dipende dalla modalità di applicazione, dalla natura e dalla porosità del supporto. Per alcune vernici monomano è sufficiente una sola passata.

VEDI TUTTI GLI SMALTI PER ESTERNO


Come verniciare un oggetto in legno all'esterno

Come verniciare un oggetto in legno all'esterno

Il primo step è individuare il tipo di supporto da verniciare per stabilire la soluzione migliore per un’applicazione facile ed efficace della vernice. Fondamentalmente, alcune fasi vanno sempre eseguite per assicurare la buona durata della vernice: pulizia, carteggiatura, trattamento del supporto.

L'applicazione di un fondo è necessario per certi tipi di legno: acidi come il Red Cedar o grassi come Teak, Ipé e altri, molto tanninici o resinosi. Alcune marche propongono vernici da applicare direttamente sul legno senza fondo grazie alla loro elevata capacità coprente. Ciò consente di risparmiare tempo durante l’applicazione, in particolare per quanto riguarda il tempo di asciugatura. Ad ogni modo, pur non applicando nessun fondo, assicurati di preparare la superficie: il legno deve essere pulito, integro e asciutto prima dell’applicazione del prodotto.

La preparazione del supporto è fondamentale. Vanno osservati certi passaggi affinché la vernice non si stacchi e il legno respiri e preservi intatte le sue caratteristiche e proprietà.

Su legno nuovo:

  • spazzola con la lana d’acciaio; poi, per un’adesione ottimale, spolvera prima dell’applicazione della vernice.

  • sgrassa i legni esotici con prodotti adatti (diluente sintetico) per fare aderire meglio la vernice.

 

Su legno vecchio:

  • prima di verniciare, applica un trattamento insetticida e fungicida che, una volta assorbito dal legno, eliminerà eventuali microrganismi indesiderati. Procedi poi con le indicazioni già fornite per il legno nuovo.

  • non applicare mai la vernice su un legno all’apparenza asciutto, che può invece essere umido all’interno.

 

Su legno impregnato:

  • riportare il legno allo stato grezzo levigando il supporto ed eliminando il più possibile le tracce dell'impregnante. Da qui in avanti, valgono le stesse indicazioni già fornite per il legno nuovo.

 

Su legno già smaltato:

  • lava con cura le vernici precedenti per eliminare eventuali microrganismi, quindi sciacqua a fondo.

  • raschiare le zone più delicate per rimuovere le schegge.

  • carteggia per riportare il legno allo stato grezzo o sgrassa bene il supporto con acetone.

  • procedi con l'applicazione dello smalto per legno.