Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere gli assorbiumidità

L’umidità in casa è spesso un problema, perché può causare fenomeni come la formazione delle muffe e di cattivi odori, danneggiare i muri, la carta da parati e i mobili e rendere l’aria poco salutare. Per fortuna si può rimediare a questi spiacevoli inconvenienti utilizzando degli assorbiumidità, che funzionano senza necessità di corrente né di batterie, sono economici e profumano anche gli ambienti.

green quotes opensl mangia umidità funzionano per assorbimento da parte dei sali e sono in grado di trattenere l'acqua presente nell'aria rendendo tutti gli ambienti, compresi quelli in cui si vive, più asciutti e più salubri.green quotes closes


Assorbiumidità: la scelta giusta per rendere più salubre la tua casa

Assorbiumidità: la scelta giusta per rendere più salubre la tua casa

Forse non sai che l’umidità è presente in tutti gli ambienti della casa, e non solo in quelli che normalmente pensiamo siano soggetti a questo fenomeno, come la cantina, il garage, la rimessa, la soffitta o il ripostiglio. Anche gli altri spazi in cui viviamo tutti i giorni, il salotto, le camere da letto, i bagni e le cucine vanno protetti dall'umidità, perché anche qui è presente e può provocare una serie di problemi alle persone, alle cose e agli ambienti. Può causare, infatti, la formazione delle muffe, può attirare i parassiti, può danneggiare i mobili in legno e può rovinare i muri e le carte da parati, oltre ai soffitti. Come se non bastasse, l'umidità è dannosa anche per la salute dell'uomo, perché può favorire l'insorgere di allergie, renderci in genere più vulnerabili alle patologie respiratorie, come i raffreddori o l'asma e, inoltre, ci fa percepire la temperatura più calda o più fredda a seconda della stagione dell'anno.

La conclusione è che gli spazi dell'abitazione con eccesso di umidità non sono salubri e quindi questa va assolutamente contrastata, vista la serie di inconvenienti a cui si rischia di andare incontro. Ma come fare? La risposta è semplice: occorre mettere in casa dei deumidificatori.

In questo caso, le scelte sono due. La prima è quella di munirsi di deumidificatori elettrici. Questi sono degli apparecchi che si installano nelle stanze attaccandoli alla presa e che aspirano l'aria umida e la rimandano sotto forma di aria secca, tramite una ventola e un compressore. Sicuramente i deumidificatori elettrici sono una soluzione efficace per deumidificare gli ambienti, ma hanno qualche controindicazione. Tanto per cominciare, possono essere rumorosi e, quindi, arrecare disturbo a chi è presente nella stanza, in secondo luogo sono abbastanza costosi, sia per quanto riguarda l'acquisto che il consumo di energia.

L'alternativa è scegliere degli assorbiumidità, che sono dei deumidificatori chimici, funzionanti tramite dei sali assorbiumidità e senza l'utilizzo di corrente né di batterie. In più, questi apparecchi neutralizzano i cattivi odori, possono essere profumati e sono meno costosi da acquistare e da mantenere, a parte la spesa per la ricarica assorbiumidità che, comunque, è abbastanza contenuta. Riassumendo i vantaggi degli assorbiumidità rispetto ai deumidificatori elettrici sono:

  • funzionano senza corrente elettrica né batterie

  • sono meno costosi in quanto ad acquisto e consumi

  • non sono rumorosi

  • sono facili da utilizzare

  • neutralizzano i cattivi odori

  • sono disponibili anche in varie profumazioni

VEDI SUBITO I DEUMIDIFICATORI A SALI


Gli assorbiumidità: come sono fatti e come funzionano

Gli assorbiumidità: come sono fatti e come funzionano

l mangia umidità funzionano per assorbimento. In pratica, sono delle piccole gabbiette al cui interno si inseriscono dei sali assorbiumidità, cioè igroscopici, in grado di assorbire l'acqua presente nell'aria rendendo gli ambienti in cui si vive più asciutti e salutari. Man mano che assorbono l'acqua, i sali mangia umidità diventano saturi e, grazie alla forza di gravità, cadono verso il basso, andando a finire nell'apposito serbatoio inferiore presente in ogni gabbietta. Una volta esauriti i sali, è necessario svuotare il contenitore e acquistare una nuova ricarica assorbiumidità. I deumidificatori a sali sono solitamente in plastica ma ultimamente sono disponibili anche modelli in legno, più eco sostenibili e gradevoli alla vista.

SCOPRI I DEUMIDIFICATORI A SALI

I deumidificatori a sali risultano particolarmente efficaci in ambienti a bassa o media umidità, meno in locali molto umidi dove ci sono fenomeni come umidità penetrante o di risalita, perdite e infiltrazioni, problemi che vanno trattati con interventi strutturali. L'azione igroscopica dei mangia umidità dipende anche, naturalmente, dalla grandezza della stanza in cui intendi posizionarli. C'è da aggiungere che possono essere utilizzati in ogni ambiente, dalla camera da letto allo scantinato, passando per il bagno o la cucina, e, dal momento che non necessitano di presa elettrica, i mangia umidità possono essere anche messi, ad esempio, in un camper o su di una barca. Tornando alle dimensioni della stanza, a seconda del tipo di deumidificatore a sali che hai scelto e della sua capacità di contenere i sali assorbiumidità, potrai sistemarlo in spazi dai 10 ai 40 mq, altrimenti, per locali più grandi, ne occorrono almeno due.

Come già detto, i mangia umidità possono essere sistemati in qualsiasi ambiente ma, per garantire una maggiore efficacia del prodotto nel deumidificare, il consiglio è quello di posizionarli almeno a 10 cm dalla parete. Questo accorgimento garantirà la circolazione dell'aria intorno al deumidificatore, condizione necessaria per assicurare il massimo assorbimento. Inoltre, colloca il dispositivo lontano da fonti di calore che ne comprometterebbero le prestazioni e ricorda di tenerlo lontano dalla portata dei bambini.


Quanto durano gli assorbiumidità e quanti acquistarne

Quanto durano gli assorbiumidità e quanti acquistarne

Per quanto riguarda il dispositivo che contiene i sali assorbiumidità, essendo solitamente realizzato in plastica, o in legno, la sua durata è praticamente eterna, a meno che non si sia danneggiato a seguito, ad esempio, di una caduta a terra. Non sarà necessario dunque acquistarne più di uno per ogni stanza che si vuole deumidificare.

Una ricarica assorbiumidità, invece, ha una durata nel tempo di circa un mese, ma questa dipende anche dalla quantità di sali assorbiumidità presenti nella confezione, dal tipo di deumidificatore e dalla sua capacità, nonché dall'ambiente in cui viene posizionato l'apparecchio e dal tasso di umidità in esso presente. Stesso discorso per quanto riguarda il tempo occorrente affinché il mangia umidità faccia effetto, perché, anche in questo caso, tutto dipende dalla grandezza della stanza, dalla temperatura e dal tasso di umidità: in genere i primi risultati si vedono dopo 12/24 ore.

Le confezioni di ricarica anti umidità sono disponibili sotto forma di sali sfusi o tabs (ovvero tavolette) e possono variare da formati piccoli (50 g) fino ad arrivare a formati molto grandi da 1,5 kg.

TROVA LA RICARICA ASSORBIUMIDITÀ ADATTA AL TUO DEUMIDIFICATORE


Assorbiumidità: neutralizzare i cattivi odori e profumare la casa

Assorbiumidità: neutralizzare i cattivi odori e profumare la casa

Spesso può succedere che l'eccessiva umidità causi uno sgradevole odore di muffa, soprattutto nelle stanze chiuse o poco areate. Per combattere questo spiacevole inconveniente e neutralizzare i cattivi odori, sono stati creati dei sali assorbiumidità declinati in diverse profumazioni. Tra questi:

  • classici profumi di lavanda o vaniglia.

  • profumazioni marine, floreali e che richiamano la natura.

  • note fruttate, di pesca, mango, frutti di bosco etc.

Insomma, ce n'è per tutti i gusti e per tutte e esigenze e non mancano neanche sali assorbiumidità balsamici che, come gli altri, assolvono a una doppia funzione, quella igroscopica e quella di regalare un gradevole profumo alle stanze della casa e a tutti gli altri ambienti. Se, invece, preferisci un mangia umidità neutro, puoi scegliere tra diversi prodotti con questa caratteristica.

SCOPRI TUTTE LE PROFUMAZIONI DISPONIBILI DEI SALI ASSORBIUMIDITÀ


Qualche consiglio in più sugli assorbiumidità

Qualche consiglio in più sugli assorbiumidità

Come si fa a capire se nella tua casa c'è troppa umidità? Per farlo basta osservare se si verificano i seguenti fenomeni:

  • finestre appannate molto spesso o sempre.

  • presenza di chiazze sui muri o sui rivestimenti.

  • carta da parati che tende a staccarsi o con bolle.

  • macchie di muffa.

  • aria viziata.

  • presenza di insetti.

In questi casi occorre assolutamente utilizzare un deumidificatore per rendere l'ambiente più salubre.

Come prevenire l'eccesso di umidità in casa?

Al di là delle condizioni ambientali, ci sono alcuni gesti quotidiani che bisognerebbe evitare per non rendere gli ambienti della casa troppo umidi. Ad esempio:

  • stendere il bucato in casa.

  • non asciugare il box doccia dopo ogni utilizzo.

  • non tenere chiuse le porte di bagno e cucina.

  • addossare i mobili alle pareti impedendo la circolazione dell'aria.

Naturalmente evitare questi comportamenti non è sufficiente, perché l'umidità può entrare dall'esterno, attraverso porte e finestre aperte, ma può essere prodotta anche da normali attività domestiche, che portano alla formazione di condensa principalmente in spazi con un’alta produzione di umidità e con scarsa ventilazione come, ad esempio, il bagno. Si calcola, infatti, che una famiglia di tre persone immetta nell'aria circa 12 litri di acqua al giorno, semplicemente cucinando, facendo la doccia o utilizzando il riscaldamento a gas. Proprio per il fatto che queste attività sono inevitabili, l'utilizzo dei deumidificatori è consigliato in ogni abitazione.


Come si smaltisce il residuo degli assorbiumidità

Come si smaltisce il residuo degli assorbiumidità

Quando ti accorgerai che i sali assorbiumidità sono completamente sciolti, è sufficiente svuotare immediatamente la vaschetta che contiene il liquido residuo nel water.