Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere le punte per trapano

Scegliere le punte per il trapano è un passaggio essenziale sia per i tuoi lavori di fai da te, che per gli interventi che necessitano di una maggiore professionalità. Il trapano è infatti uno strumento chiave al quale non è possibile rinunciare! Può aiutarti a perforare il cemento armato, a realizzare un foro nel legno, nel ferro e in molti altri materiali però ricorda di dotarlo sempre della punta giusta.

Il trapano è uno strumento chiave e può aiutarti a forare moltissimi materiali, l'importante però è dotarlo sempre della punta giusta.


A cosa servono le punte per trapano

A cosa servono le punte per trapano

Le punte per trapano sono strumenti assolutamente indispensabili per poter lavorare correttamente. Senza il loro supporto sarebbe impossibile forare in modo preciso materiali estremamente duri o di contro eccessivamente delicati. Le punte non sono tutte uguali, naturalmente! Le varie tipologie di punte si differenziano tra loro proprio in base al materiale che dovranno forare. Con la giusta punta per il trapano è possibile realizzare dei fori nel metallo, nel legno e nel cemento armato. Le punte diamantate, o anche le punte per trapano in carburo di tungsteno, sono pensate per forare materiali estremamente fragili come il vetro o le piastrelle. Per ottenere sempre il risultato migliore quando si lavora con il trapano è fondamentale conoscere le diverse tipologie di punte.

VEDI SUBITO TUTTE LE PUNTE PER TRAPANO


Scegliere la punta giusta in baste al materiale da forare

Prima di iniziare a vedere nel dettaglio le varie tipologie di punte per trapano, è indispensabile chiarire un piccolo concetto. Per evitare di sbagliare, e rovinare il lavoro, è infatti necessario conoscere per prima cosa il materiale che andrà forato. Da questa prima valutazione è possibile quindi orientarsi verso al scelta perfetta della punta. Andiamo ora a vedere insieme una panoramica completa dedicata alle varie tipologie di punte.

Punte da muro

Punte da muro

La punta da muro è un accessorio decisamente insostituibile e che dovrebbe essere sempre presente nel kit di punte per il trapano. Bisogna però sapere che nella scelta di questa tipologia di punte è necessario fare una piccola distinzione tra i materiali da forare che possono infatti essere duri o teneri. Altro punto da tenere in considerazione è il materiale di cui è fatta la punta da muro, che dovrebbe preferibilmente essere realizzata in carburo di tungsteno. Questo materiale si presta infatti a lavorare con grande efficacia su materiali resistenti come il granito, il cemento, le pietre naturali o i mattoni silico-calcari. Per forare con ottimi risultati i materiali più duri è consigliabile optare per una punta a quattro taglienti e realizzata in carburo massiccio. Le punte da muro sono decisamente robuste e solide e vengono prodotte con la dotazione di una placchetta, o taglienti, speciale in tungsteno o widia. Questa placchetta permette alla punta per muro di sostenere le sollecitazioni derivate dalla percussione e dalla rotazione.

VEDI LE PUNTE DA MURO

Punte trapano per ferro

Punte trapano per ferro

Questa tipologia di punte, di forma elicoidale, è specificatamente realizzata per forare i metalli, anche se in alcuni casi possono essere impiegate per lavorare anche su legno e plastica. Solitamente realizzate in acciaio rapido (punte HSS, High Speed Steel), sono disponibili anche in versioni composte da leghe decisamente più pregiate, come il titanio e il cobalto.

Le punte trapano HSS per metalli si suddividono in due categorie, ovvero rettificate e laminate. Le punte HSS rettificate si presentano affilate sull'elica e sulla punta. Possono sostenere un ritmo di lavoro prolungato e risultano precise e competitive. Le punte HSS per metalli laminate presentano invece un'elica arrotolata e laminata. Il vantaggio di queste punte si riscontra nella possibilità di effettuare un'affilatura precisa e una notevole durata d'impiego nel tempo.

Per forare metalli difficili come l'inox, o in caso di lavori che necessitano un tempo maggiore, la scelta migliore è puntare su punte trapano per acciaio realizzate in leghe come il cobalto o il titanio. Questo perché sono in grado di rispondere decisamente meglio alle temperature notevoli che si generano durante la fase di foratura. La punta da ferro può facilmente andare incontro a surriscaldamento a causa dell'accelerato movimento di rotazione, per questo motivo è necessario lubrificare o lasciare raffreddare la punta durante la lavorazione.

TROVA LE PUNTE PER METALLO

leggi di più

Anche se in apparenza può sembrare una banalità, sapere che i metalli hanno densità diverse tra loro può fare la differenza. La densità è infatti determinante per differenziare le caratteristiche fondamentali dei metalli come il peso, la resistenza alla foratura e la durezza. Inoltre, attraverso la densità è possibile determinare il tipo di punta da utilizzare, che dovrà sempre essere più dura rispetto al materiale su cui si deve lavorare. Questo step fondamentale aiuta a comprendere facilmente che una punta pensata per forare un materiale "tenero" come l'alluminio non riuscirà in alcun modo a scalfire una lega composta da carbonio e ferro.

Punte per legno

Punte per legno

Le punte per il legno sono dotate di una puntina che consente di centrare il punto di foratura e due alette laterali per scavare il legno praticando un foro dal fondo piatto. Questa tipologia di punte si presenta con una forma elicoidale utile per permettere la fuoriuscita dei trucioli di legno durante il lavoro di perforazione. La punta elicoidale è solitamente disponibile fino a 17 mm di diametro, ma in alcuni casi è possibile trovarne da 20 mm. Quando il lavoro di foratura prevede grandi diametri, è utile optare per le punte a spirale che consentono di eliminare i trucioli durante la lavorazione. Le punte per il legno che presentano un diametro maggiore, compreso tra i 16 mm e i 40 mm, presentano una forma a paletta e vengono anche chiamate punta a mecchia. Le punte per il legno sono generalmente realizzate in acciaio temprato.

SCOPRI LE PUNTE DA LEGNO

Punte per ceramica e grès porcellanato

Punte per ceramica e grès porcellanato

Questo tipo di punte presentano una forma a lancia con taglienti diamantati. Vengono utilizzate solamente tramite la rotazione su piastrelle in grès e ceramica. Anche le punte a fresa, sempre utilizzate per lavorare su ceramica e grès, sono rivestite di grani diamantati disposti su tutta la circonferenza. Per forare correttamente, evitando il rischio di rotture o scheggiature, entrambe devono lavorare a contatto con un liquido refrigerante o con acqua. Nelle prime operazioni di foratura è consigliabile lavorare con una inclinazione di 45° e mantenendo una velocità ridotta.

PUNTE PER CERAMICA E GRÈS PORCELLANATO

Punte per vetro

Punte per vetro

Le punte per vetro hanno come caratteristica una punta affilata ben saldata su un corpo di forma cilindrica, e presentano la classica forma di una lancia. Come nel caso delle punte per ceramica, la punta per il vetro è dotata di taglienti diamantati e viene utilizzata solo attraverso la rotazione.

TROVA LE PUNTE PER VETRO


I principali materiali usati per le punte da trapano

I principali materiali usati per le punte da trapano

Prima di procedere all'acquisto delle punte da trapano, è importante spendere qualche minuto sulla qualità dei materiali impiegati per realizzarle. Vediamo allora le diverse leghe impiegate per realizzare le punte per trapano, le caratteristiche e il tipo di resistenza alle sollecitazioni:

  • high speed steel, HSS: queste sigle indicano che le punte sono realizzate in acciaio rapido, ovvero la tipologia di acciai legati più comune nella realizzazione delle punte per trapano per forare i metalli. Le punte HSS sono particolarmente durevoli, possono essere affilate e presentano un buon grado di resistenza alle sollecitazioni.

  • cobalto: il cobalto, a differenza del titanio, è in grado di mantenere costanti le sue caratteristiche intrinseche anche in presenza di temperature elevate. Questo consente di aumentare la velocità di rotazione durante la foratura. Una classica punta in acciaio legato, con l'aggiunta del cobalto, vede aumentare le sue caratteristiche di solidità, durezza e resistenza della punta.

  • titanio: in base alla percentuale di titanio presente in una punta HSS, la lega può aumentare le sue prestazioni presentandosi più resistente e dura.

  • carburo di tungsteno: il carburo di tungsteno nasce dalla combinazione di tungsteno e carbonio che insieme danno origine a una lega di alta densità. Il carburo di tungsteno, in base alla percentuale utilizzata, è in grado di rendere la punta più dura e maggiormente resistente.

Diametro della punta da trapano

Diametro della punta da trapano

Per praticare un foro perfetto in una parete di cemento, nel legno, nel metallo o in altri materiali bisogna tenere in considerazione un ultimo aspetto, ovvero il diametro della punta per il trapano. Utilizzare infatti la punta giusta ma di un diametro errato, può comportare un vero e proprio disastro!

Qualche linea guida sulla scelta del diametro della punta trapano:

  • le punte per trapano per eseguire fori nel metallo hanno un diametro che varia da 1 mm fino a 16 mm.

  • per lavori di foratura sul legno che contemplino un foro con dimensioni superiori ai 14 mm opta per la punta a mecchia.

  • la sega a tazza diventa invece indispensabile per eseguire fori di diametro compreso tra i 2 e 10 cm.

 

Ecco alcuni semplici consigli per praticare correttamente fori:

  1. il primo step è quello di segnare sulla superficie da forare il punto esatto dove lavorare.

  2. inizialmente è sempre consigliabile iniziare a forare utilizzando una punta di diametro inferiore rispetto a quella di cui si avrà bisogno in seguito.

  3. imposta la velocità minima all'inizio del lavoro, aumentandola gradualmente durante la foratura.

Innesto o codolo: SDS, esagonale, cilindrico

Innesto o codolo: SDS, esagonale, cilindrico

Per innesto, o codolo, s'intende quella sezione della punta per trapano da inserire all'interno del mandrino. Vediamo le diverse tipologie di codolo:

  • cilindrico: l'innesto cilindrico è il più comune e diffuso e può essere montato su tutte le tipologie di mandrino dei trapani standard.

  • esagonale: questa tipologia di codolo è particolarmente utilizzato nei lavori di fai da te. Risulta compatibile soprattutto con i trapani avvitatori a batteria e permette di cambiare rapidamente l'utensile.

  • SDS plus o max: sono degli attacchi speciali e utilizzati per i martelli tassellatori.