Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere le stufe a pellet o a legna

Vuoi prepararti all'inverno e cambiare il modo di riscaldare la tua casa, renderla calda e accogliente, ovviamente con un occhio al risparmio e all'efficienza energetica? Allora questa guida fa per te. Informati sulle diverse opzioni di stufe a pellet o a legna e scegli la soluzione più adatta alla tua casa.

Dove posizionare la stufa? Ricordati che necessita di un collegamento alla rete elettrica, presa d’aria e scarico dei fumi.


Come riscaldare la casa con le stufe a pellet o legna?

Come riscaldare la casa con le stufe a pellet o legna

Nella scelta della stufa giusta, il primo passo è stabilire se vuoi riscaldare un solo ambiente, dove questa verrà posizionata, oppure più ambienti. Alcune stufe, infatti, possono riscaldare tutta la casa oltre alla stanza in cui sono inserite, con grandi vantaggi sui consumi energetici. Sono ideali quindi per integrare il sistema di riscaldamento già esistente o per sostituirlo completamente.

Verifica la posizione in cui si può installare la stufa e se è possibile realizzare la canna fumaria e la presa d’aria. Infine, tieni in considerazione anche l’aspetto estetico, che deve coordinarsi con lo stile e l’arredo della stanza.

VEDI TUTTE LE STUFE A PELLET O LEGNA

Stufe per riscaldare uno o più ambienti

Per riscaldare più ambienti

  • stufe canalizzate: già predisposte a scaldare gli ambienti adiacenti.

  • stufe canalizzabili: possono riscaldare ambienti contigui se integrate con kit di canalizzazione acquistabili separatamente.

Il calore viene convogliato nelle altre stanze dell’abitazione grazie ad un sistema di canalizzazione realizzato con semplici condutture che non comportano grosse opere murarie. L’aria calda, per convezione o spinta da ventilatori integrati, sale nelle condutture e arriva nella altre stanze attraverso bocchette predisposte.

Stufe per riscaldare anche l’acqua per i caloriferi

Per riscaldare anche l’acqua per i caloriferi

Le termostufe consentono di riscaldare anche l’acqua destinata ai caloriferi, portando il calore in tutte le stanze. È necessario collegarli all’impianto idraulico esistente dell’abitazione. Il calore viene trasmesso all’acqua destinata ai radiatori da uno scambiatore di calore. Questo sistema può anche operare insieme ad altri sistemi di riscaldamento (per es. caldaie o pannelli solari termici) consentendo ulteriori risparmi.

Una soluzione consigliata nel caso di ristrutturazioni o di nuove costruzioni perché comporta importanti opere murarie. Adatto per grandi ambienti, dai 120 ai 200 m2, a seconda dell’altezza dei soffitti e dal tipo di isolamento delle pareti. Con l’aggiunta di kit specifici è possibile produrre anche acqua sanitaria.

Puoi installare caldaie a pellet

Producono acqua calda per alimentare i caloriferi e i pannelli radianti a pavimento di tutta la casa. Possono essere collegate anche a impianti di riscaldamento esistenti e lavorare in affiancamento a pannelli solari. Con l’utilizzo di appositi kit, alcuni modelli di caldaie possono produrre acqua calda sanitaria per i bagni e per la cucina.

 

Puoi cucinare riscaldando l’ambiente

Cucine e termocucine alimentate a legna o a pellet, oltre a soddisfare i bisogni di riscaldare la casa, permettono contemporaneamente di cucinare i cibi in maniera tradizionale e più naturale.


Perché scegliere una stufa a pellet o legna

Quale tipologia di stufa a pellet o a legna scegliere

Il fascino del fuoco a vista è intramontabile e anche in una moderna abitazione non occorre rinunciarvi. Grazie alle stufe a pellet, o anche a legna, puoi unire estetica ed efficienza energetica.

Le stufe a pellet sono moderne, valorizzano i tuoi ambienti, rendono la casa calda e confortevole e ti aiutano a risparmiare sulle bollette. Sono ideali per scaldare ambienti di media grandezza, a seconda della potenza. Le stufe a pellet sono fornite di serbatoi, più o meno capienti, che consentono al pellet una discesa costante nel focolare con il vantaggio di una lunga autonomia.

SCOPRI TUTTE LE STUFE A PELLET

Le stufe a pellet offrono molti vantaggi:

  • rispettano l’ambiente: il pellet è un prodotto ottenuto dalla segatura residua dalla lavorazione del legno, essiccata e pressata senza additivi estranei. È eco-compatibile, biodegradabile e produce pochissime emissioni. Leggi di più sul pellet

  • fanno risparmiare: il pellet è un combustibile meno caro rispetto ad altri. Le stufe a pellet fanno risparmiare molto sulle bollette energetiche e in breve tempo recuperi l’investimento del loro costo.

  • sono pratiche: puoi programmarne accensione e spegnimento. Le stufe a pellet sono autonome per parecchie ore. Infatti, basta ricaricare il combustile una o due volte a settimana, in base alle ore di utilizzo, alla grandezza della stufa e alla capacità del serbatoio.

  • si integrano bene con qualsiasi arredo: scegli una stufa stretta sei attento al design e vuoi ottimizzare gli spazi.

Per riscaldare uno o più ambienti scegli:

Stufe a pellet ventilate

Stufe a pellet ventilate

Il tiraggio della stufa a pellet è forzato grazie alla ventola interna che evacua i fumi della combustione all’esterno: questo consente di avere una canna fumaria con misure ridotte. In alcuni modelli, il calore prodotto viene diffuso nell’ambiente tramite ventilazione forzata riscaldandolo più velocemente.

SCOPRI LE STUFE A PELLET VENTILATE

Stufe a pellet canalizzate

Stufe a pellet canalizzate

Le stufe canalizzate sono già predisposte per riscaldare anche le stanze adiacenti con un sistema di condutture del calore. Queste stufe possono avere 1 o 2 canalizzazioni che consentono di riscaldare l’ambiente in cui la stufa viene installata ed un’altra stanza (1 canalizzazione) o altre due stanze (2 canalizzazioni).

Infine, le stufe a pellet canalizzabili svolgono la stessa funzione delle stufe canalizzate ma devono essere integrate con un apposito kit di canalizzazione che va acquistato separatamente.

GUARDA LE STUFE A PELLET CANALIZZATE

Per riscaldare anche l’acqua per i caloriferi scegli:

Termostufe a pellet e legna

Termostufe a pellet e legna

Scaldano l’acqua che circola nei termosifoni, permettendo di riscaldare tutta la casa. Alcuni modelli hanno la ventola integrata e quindi svolgono una doppia funzione perché scaldano anche l’ambiente dove vengono installate. Possono essere alimentate a pellet o a legna ed essere integrate a un impianto di riscaldamento esistente attraverso uno scambiatore di calore tra i due circuiti. Con l’apposito kit possono produrre anche acqua calda per uso sanitario.

SCOPRI LE TERMOSTUFE

Caldaie a pellet

Caldaie a pellet

Sono una valida soluzione come sostituzione di vecchi impianti o nuove installazioni. Permettono un notevole risparmio economico nel tempo (fino al 40%), senza rinunciare all’automatismo, alla semplicità e affidabilità dei classici impianti. Grazie al suo alto rendimento, fino al 93%, la scelta di una caldaia a pellet è conveniente, poco inquinante e rispettosa dell’ambiente.

VEDI LE CALDAIE

Se preferisci le tradizionali stufe a legna:

Climatizzatori portatili

Stufe a legna

Sono ideali per scaldare ambienti di media grandezza, fino a 120 mq. Garantiscono grande risparmio nei costi di gestione e consumo, nel pieno rispetto dell’ambiente. Non necessitano di rete elettrica per il funzionamento. Lo scarico dei fumi avviene tramite un tubo di diametro da 12 a 20 cm. Alcuni modelli possono avere in dotazione una piastra scaldavivande, forni e griglie adatte per la cottura dei cibi.

SCOPRI LE STUFE A LEGNA

leggi di più

Possono avere la camera di combustione o focolare in:

  • acciaio: scaldano rapidamente. Con doppia combustione hanno un rendimento maggiore perché bruciano, oltre alla legna, i materiali e i gas di combustione e riducono le emissioni nocive.

  • ghisa: sono le più resistenti e durevoli. Impiegano un po’ più di tempo per raggiungere la temperatura massima, ma una volta raggiunta, la mantengono per molto tempo. La ghisa inoltre è un materiale che può essere lavorato e decorato, con un grande vantaggio sul piano estetico.

  • refrattario: sopportano temperature molto elevate e quindi sono in grado di scaldare di più delle stufe in acciaio. Generano una combustione pulita.

  • vermiculite: raggiungono più rapidamente la massima temperatura di combustione con conseguente aumento dell’efficienza.
Cucine a legna e pellet

Cucine a legna e pellet

Ideali per ambienti di media grandezza, hanno una duplice funzione: cuocere i cibi, sulla piastra radiante o nel forno, e riscaldare l’ambiente in cui sono installate. Le termocucine, come le termostufe, riscaldano anche l’acqua che circola nei termosifoni degli impianti di riscaldamento.

VEDI LE CUCINE A LEGNA E PELLET

Alcuni consigli per la tua sicurezza:

Assicurati di lasciare libero lo spazio adeguato tra la stufa, le pareti e i mobili, evitando anche il contatto diretto con tendaggi, tappeti e materiali infiammabili. Non appoggiare oggetti sulla stufa e non toccare lo sportello perché raggiunge temperature molto elevate. Assicurati anche di proteggere il pavimento dove è installata se è in legno o moquette.

VEDI TUTTI GLI ACCESSORI PER LA PROTEZIONE E LA SICUREZZA

 


Caratteristiche tecniche della stufa a pellet

Come è composta una stufa a pellet

Una stufa a pellet è composta da:

  • porta: in acciaio o ghisa con vetro ceramico resistente alle alte temperature.

  • rivestimento esterno: in acciaio o maiolica, in diversi colori e finiture.

  • griglia: uscita aria calda per convezione o ventilazione.

  • serbatoio pellet: contenitore del pellet e sistema di caricamento

  • braciere: cavità dove avviene la combustione.

  • cassetto ceneri

  • aria di combustione: tubo per aspirazione dell’aria. Convoglia l’aria nel bruciatore.

  • ventilatore di canalizzazione

  • ventilatore espulsione fumi

  • tubo uscita fumi: per espulsione dei fumi di combustione.

  • scheda elettronica: controlla il meccanismo della stufa, regola l’afflusso di aria e l’alimentazione in modo da ottimizzare la combustione.

Potenza termica:

La caratteristica più importante da considerare è il fabbisogno energetico per riscaldare il tuo ambiente ovvero la potenza termica (kW). Per individuare la potenza termica necessaria per scaldare una stanza bisogna tenere conto di due fattori:

  • volume (m³) della casa o della stanza: superficie (m²) per l’altezza del soffitto (m).

  • coibentazione: ovvero isolamento termico dell’ambiente influenzato da isolanti nelle pareti, esposizione al sole, finestre e porte finestre, doppi vetri.

 

Ad esempio, proviamo a calcolare il fabbisogno energetico di una casa di 75 m² con soffitto di altezza standard di 2,70 m, considerando un coefficiente di coibentazione standard che può variare da 0,04 (buona coibentazione) a 0,06 (scarsa coibentazione).

Volume della casa: superfice 75 m² x altezza del soffitto 2,70 m = 202,5 m³.

Coefficiente di coibentazione: medio (0,05).

Potenza termica = 202,5 x 0,05 = 10,1 (kW).

 

Se hai dubbi sul calcolo della potenza necessaria per riscaldare il tuo ambiente, perché non fai un salto in negozio? Potrai parlarne con un consigliere di vendita o richiedere un sopralluogo al nostro servizio di posa.

leggi di più

Le caratteristiche tecniche indicate per le stufe:

  • capacità del serbatoio: nel caso degli apparecchi a pellet, indica quanto combustibile si può caricare e determina la sua autonomia.

  • consumo: la quantità di combustibile che viene bruciata per riscaldare. Nel caso del pellet ad esempio, si misura in kg/h.

  • assorbimento elettrico (W): l’energia elettrica assorbita dall’apparecchio per il suo funzionamento.

  • potenza termica (kW): l’energia del combustibile necessaria a scaldare un ambiente.

  • potenza termica introdotta(kW): la potenza che il combustibile introdotto fornisce all’apparecchio.

  • potenza termica nominale o effettiva (kW): indica il calore realmente ceduto all’ambiente.

  • potenza termica nominale o effettiva resa all’acqua (kW): indica quanto calore realmente la termostufa cede all’acqua dei termosifoni.

  • rendimento: indica in quale percentuale la quantità di potenza introdotta si trasforma in calore ceduto all’ambiente.

 

 

Ogni modello può avere funzioni per:

 

Comandare a distanza la stufa:

  • telecomando: per programmare a distanza tutte le funzioni della stufa.

  • programmazione: regola l’accensione e lo spegnimento in modo automatico.

  • termostato: rileva e regola la temperatura ambientale, diminuendo i consumi.

  • modulo Wi-Fi: per comandare a distanza la stufa a pellet con lo smartphone.

 

Regolare la temperatura e migliorare il confort della stanza:

  • ventilazione forzata: ottimizza la resa della stufa potenziandone ulteriormente le capacità termiche.

  • funzione notte: la stufa rimane accesa e si arresta solo il ventilatore dell’aria calda. Il calore prodotto viene distribuito per convezione.

  • funzione umidificatore: permette di avere il giusto grado di umidità. Con la possibilità di aggiungere essenze aromatiche nell’acqua, la sensazione di benessere aumenta.

 

Ottimizzare i consumi della stufa:

  • funzione eco: il livello di potenza e l’intensità della fiamma variano automaticamente fino al raggiungimento della temperatura ambiente impostata, ottimizzando i consumi del combustibile.

  • energy saving: una volta raggiunta la temperatura impostata, la stufa si regola automaticamente al minimo fino ad arrestarsi.

 

Offrire sicurezza:

  • termostato di sicurezza: per regolare la temperatura e la ventilazione, per evitare le dispersioni di calore e ottimizzare la gestione del pellet. Se la temperatura ideale viene superata, il termostato arresta il funzionamento della stufa.

  • valvola di sicurezza: previene fenomeni di sovrappressione all’interno della camera di combustione.

 

Cucinare:

  • scaldavivande: piastra o vano per riscaldare le vivande.

  • termometro forno: misura la temperatura interna per una più perfetta cottura dei cibi.

 

Facilitare la pulizia e la manutenzione:

  • uscita fumi multipla: permette di scegliere tra varie possibilità, laterale, posteriore o superiore.

  • vetro autopulente: l’aria calda viene immessa attraverso un circuito dedicato così da evitare la formazione della cenere sul vetro nelle stufe a pellet.

  • vano porta legna: uno spazio integrato nella stufa per riporre una piccola scorta di legna.

 


Efficienza e risparmio energetico

Etichetta energetica

Dal 1 Gennaio 2018 tutte le stufe e termostufe, a pellet e a legna, devono essere accompagnate da un’etichetta energetica, come quella di climatizzatori, elettrodomestici e altri apparecchi elettrici.

L’etichetta indica la classe di efficienza energetica, da A++ la più efficiente a G la meno efficiente, e altri dati tecnici che definiscono la qualità del prodotto e le sue caratteristiche principali. Un “passaporto ecologico” molto utile per confrontare tra loro i prodotti e scegliere con consapevolezza sui consumi, efficienza e impatto sull’ambiente.


Posa e installazione

Stufe, termostufe, caldaie, cucine a pellet o a legna producono fumi di combustione. La loro installazione e manutenzione per legge deve essere eseguita e certificata da installatori professionisti (DM 37/08) che verificano l’idoneità del locale, del sistema di scarico fumi, delle prese d’aria e il rischio di incendi.

I nostri artigiani sono a disposizione per un sopralluogo, un preventivo e per posare la tua stufa.

SCOPRI IL SERVIZIO POSA E INSTALLAZIONE .


Agevolazioni fiscali

Iva Ridotta:

Posa con noi. Ti rimborsiamo fino al 10%. Questo risparmio è possibile grazie all’IVA ridotta solo se acquisti sia il prodotto che la sua posa e se il valore della posa è almeno corrispondente al valore del prodotto.

 

Detrazioni fiscali:

Puoi usufruire delle detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico (fino al 65%) sia sull’acquisto di stufe sia sulla loro posa (anche non contestuale).

Puoi scegliere di detrarre l’IRPEF oppure optare per il rimborso del conto termico, ma non puoi beneficiare di entrambe le agevolazioni. È invece consentito il rimborso dell’IVA al 10% anche con la detrazione IRPEF.

 

GSE - Rimborso conto termico

Vecchia stufa addio! Puoi avere un rimborso fino al 65% sull’acquisto di una nuova stufa grazie al nuovo Conto Termico sull’intera spesa (acquisto, posa e gestione della pratica GSE) entro 90 giorni dall’attivazione direttamente in conto corrente.

Il nuovo Conto Termico 2.0, in vigore dal 31 maggio 2016, è un incentivo erogato dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici), che premia la sostituzione di apparecchi obsoleti con apparecchi nuovi che incrementano l’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Puoi scegliere di usufruire del rimborso conto termico GSE oppure delle detrazione IRPEF, ma non puoi beneficiare di entrambe le agevolazioni. È invece consentito il rimborso dell’IVA al 10% anche con il rimborso conto termico GSE.

LEGGI DI PIÙ SULLE AGEVOLAZIONI FISCALI


Manutenzione e pulizia

Le stufe a pellet necessitano di manutenzione di tanto in tanto, per essere sempre pulite ed efficienti. Segui questi semplici consigli:

  • pulisci il braciere, eliminando i residui quando sono freddi, e il vetro della porta giornalmente.

  • pulisci con un aspiracenere il vano raccogli cenere ogni settimana, così da fare entrare aria pulita per la combustione del pellet.

  • pulisci la canna fumaria almeno una volta l’anno.