Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere tettoie e pensiline

Desideri proteggere la porta della tua abitazione o altre zone esterne, come i balconi, dal sole e dagli altri agenti atmosferici? In questo caso, le tettoie e le pensiline sono la scelta giusta. In più, queste strutture, oltre a essere funzionali, hanno un altro valore aggiunto: sono belle da vedere e sono disponibili in vari stili e materiali così da soddisfare ogni tua esigenza.

green quotes opensLa tettoia e la pensilina si distinguono anche per il materiale utilizzato per realizzarle. Vediamo insieme le diverse tipologie.green quotes closes


Tettoie e pensiline: utili e anche belle da vedere

Tettoie e pensiline: utili e anche belle da vedere

Perché installare all'esterno della propria abitazione tettoie o pensiline? La risposta è semplice, perché sono degli accessori che si rivelano indispensabili in moltissime occasioni. La loro funzione principale è quella di riparare e di proteggere l'ingresso di casa, o altre zone esterne all'edificio come i balconi, le scale o le finestre, da tutti gli agenti atmosferici: non solo dal sole, quindi, ma anche da pioggia e neve, affinché chi sta per entrare può sostare all'asciutto mentre cerca le chiavi o attende che gli venga aperto. A questo c'è da aggiungere che le pensiline e le tettoie per porta arredano con stile la soglia, la rendono particolare e le conferiscono un aspetto più accogliente, che può essere completato con altri elementi a tua scelta, come, ad esempio, uno zerbino, dei vasi con piante o delle grandi anfore disposte ai lati dell'ingresso.

VEDI SUBITO TUTTE LE PENSILINE E TETTOIE

Ma qual è a differenza tra tettoie e pensiline?

Nel parlare comune, spesso, la tettoia e la pensilina vengono assimilate e confuse, anche se, per quanto riguarda l'aspetto tecnico e strutturale, sono, in effetti, due installazioni ben diverse tra di loro. Entrando più nel dettaglio, le tettoie sono degli elementi che servono a coprire degli spazi aperti e il loro tratto distintivo sta nella presenza di una struttura che le sostiene, in genere con montanti verticali e orizzontali collegati l'uno all'altro. Altro discorso per ciò che concerne le pensiline, che analogamente hanno la funzione di riparare una zona esterna all'edificio, ma sono prive di montanti verticali di sostegno e si installano esclusivamente in aggetto sulle pareti del fabbricato. Un'altra differenza tra tettoia e pensilina sta nelle loro dimensioni. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, le tettoie per porta sono più grandi delle pensiline che hanno misure decisamente più contenute. C'è da aggiungere che la legge consente di installare una tettoia senza necessità di permessi unicamente con finalità di arredo, quindi, necessariamente, non potrà avere delle dimensioni troppo rilevanti. Ricapitolando le differenze tra tettoie e pensiline:

  • la tettoia è un manufatto composto da elementi verticali e orizzontali che lo sostengono e dotato di una copertura continua.

  • la pensilina è una struttura orizzontale, priva di sostegni e molto facile da montare, che viene fissata alle pareti esterne, in genere, in corrispondenza di porte e finestre.

Al di là del tuo gusto personale e delle tue esigenze di spazio, va detto che la tettoia e la pensilina si distinguono anche per il materiale utilizzato per realizzarle. Vediamo le diverse tipologie.


Le tettoie in legno

Le tettoie in legno

La tettoia in legno è la più classica ed elegante. Il legno è inoltre un materiale che ha diverse proprietà da tenere in considerazione nella tua scelta: è termoisolante, traspirante, resiste all'umidità e, con la corretta manutenzione mediante prodotti specifici, dura a lungo nel tempo. Per le tettoie per porta e per le tettoie per balconi, il legno, in genere, viene trattato per renderlo resistente alle crepature e, oltre che a pioggia, umidità e neve, anche ai raggi di sole, ai tarli, alle muffe e ai funghi.

Tra i tipi di legno utilizzati per la tettoia ci sono:

  • il legno massello: si ricava dalla parte interna e più densa del tronco dell’albero e, dato che è molto massiccio, si rivela particolarmente resistente. Gli unici svantaggi sono che ha un peso maggiore se paragonato ad altri tipi di legno, quindi va utilizzato per strutture non troppo grandi, e ha un costo in genere più elevato rispetto ad altre tipologie.

  • il legno lamellare: è un materiale ricavato incollando delle lamelle di legno, principalmente di pino o di abete, che offre anch'esso una buona resistenza e, rispetto al legno massello, si rivela particolarmente adatto per strutture più grandi e più spesse. A questo c'è da aggiungere che è abbastanza economico e anche molto versatile.

SCEGLI UNA TETTOIA IN LEGNO

Per quanto riguarda la copertura delle tettoie in legno, questa può essere scelta in base alle diverse esigenze e, tra quelle, più utilizzate ci sono:

  • le tegole: in questo caso la durata nel tempo è assicurata, ma si necessita di una struttura portante più robusta per sostenere un peso maggiore e ciò determina un aumento dei costi, anche perché la tettoia deve essere montata da personale esperto. C'è da aggiungere che ne esistono di diverse tipologie, come le tegole marsigliesi, leggere e più economiche, le tegole canadesi, molto resistenti alla pioggia, e le tegole portoghesi, generalmente realizzate in laterizio.

  • il legno: questo tipo di copertura è decisamente più solida e rappresenta anche una continuità in termini di stile con la struttura portante.

 

Manutenzione delle tettoie in legno

Affinché una tettoia rimanga bella e funzionale con il passare degli anni, è necessario prendersene cura attraverso una regolare manutenzione, soprattutto per conservarne inalterato il colore originale e l'aspetto in generale. Il legno, infatti, esposto a ogni tipo di agenti atmosferici, è soggetto a un degrado naturale che può cambiarne anche la forma. In particolare, quando il legno subisce l'azione dei raggi del sole, dell'umidità e della pioggia tende a ingrigirsi ed è per tale ragione che deve essere trattato periodicamente con un impregnante. Questo è un tipo di sostanza che, oltre a proteggerlo superficialmente, penetra nel legno e lo impermeabilizza, anche se non impedisce del tutto la formazione di fessure. Sono disponibili diversi tipi di impregnanti dedicati a legni specifici, così come un'ampia scelta di colori in grado di soddisfare ogni tua esigenza.


Le pensiline in alluminio, acciaio o ABS

Le pensiline in alluminio, acciaio o ABS

Molto versatili, le strutture delle pensiline possono essere realizzate in diversi materiali vediamo quali:

  • pensiline in alluminio: tra i diversi materiali tra cui scegliere, l’alluminio rappresenta la soluzione che garantisce un'estrema leggerezza e soprattutto resistenza all'ossidazione. Questo tipo di pensilina è consigliata per abitazioni vicino al mare, perché non teme né umidità né l'attacco della salsedine. A questo c'è da aggiungere che è facilmente lavorabile per creare forme differenti per la copertura della porta di casa e si rivela dunque molto versatile. Il suo stile, inoltre, è pulito ed essenziale, perfetto se ami un design dal gusto contemporaneo. In più, necessita di pochissima manutenzione, a parte una pulizia periodica della superficie.

  • pensiline in acciaio inox: come saprai, l'acciaio inox resiste a ogni temperatura, agli agenti atmosferici e non è inquinante. Inoltre, al pari dell'alluminio, dura nel tempo e non ha bisogno di manutenzioni particolari. Questo tipo di pensiline possono essere realizzate in varie forme e avere dimensioni anche molto ampie.

  • pensiline in ferro: scegli questo tipo di struttura se cerchi un vero e proprio elemento di arredo che ti garantisca anche una lunga durata nel tempo. Per realizzare questo genere di pensilina, il metallo viene trattato con particolari sostanze antiruggine al fine di proteggerlo dagli agenti atmosferici.

  • pensiline in ABS: la caratteristica di questo materiale è di essere leggero, ma al tempo stesso molto resistente.

  • pensiline in PVC: anche questo materiale è molto leggero, stabile, versatile e resistente, oltre a essere abbastanza economico. Inoltre, è impermeabile, ignifugo e non necessita di particolari trattamenti.

Alle strutture delle pensiline si abbinano diversi tipi di materiali per la copertura, ad esempio, il policarbonato compatto, che ti garantisce un'eccellente protezione dai raggi del sole ed è disponibile in diversi colori. A questo si aggiungono il policarbonato alveolare, il vetro e il plexiglass.

SCOPRI TUTTE LE PENSILINE


Stile e design di tettoie e pensiline

Stile e design di tettoie e pensiline

Tettoie e pensiline hanno, in pratica la sessa funzione, tuttavia nel caso tu stia cercando delle tettoie per porta dallo stile classico, magari da installare su facciate di edifici d'epoca, di casolari di campagna, di case di montagna o, comunque, affacciate su aree verdi, le tettoie in legno sono quello che fa per te. E il tutto senza dimenticare il fatto che il legno si accosta in maniera del tutto naturale a qualsiasi altro tipo di materiale, regalandogli un aspetto molto particolare. Principalmente, le tettoie in legno si distinguono tra tettoie a falda singola, disponibili in tutte le dimensioni, che sono dotate di un'unica falda spiovente ancorata alla facciata se non molto profonde. Altrimenti, quando la tettoia è più possente, viene sorretta da pilastri così da scaricare il peso al suolo. Le tettoie a doppia falda, invece, sono strutture di grandi dimensioni e non adatte a essere utilizzate come tettoie per porta o tettoie per balconi.

I materiali normalmente utilizzati per realizzare le pensiline sono in genere molto versatili e consentono di creare diverse forme, così da soddisfare ogni esigenza di stile: ondulate, piane, tonde, squadrate, spioventi e molte altre varianti, comprese quelle in stile vintage o liberty e con coperture trasparenti. Puoi scegliere dunque tra tanti tipi di design, essenziale, contemporaneo o più classico, a seconda dei tuoi gusti personali.


Tettoie e pensiline: le dimensioni

Tettoie e pensiline: le dimensioni

Oltre al tipo di materiali, nella scelta di una tettoia o di una pensilina bisogna tenere in considerazione anche le misure della porta, o, nel caso di tettoie per balconi, della finestra su cui deve essere installata. Naturalmente, la pensilina o la tettoia devono essere un po' più grandi dell'ingombro dell'entrata e l'importante è che la porta o la finestra siano centrate al di sotto di esse per avere un risultato estetico ottimale.


La normative per l’installazione di tettoie e pensiline

Riguardo l'installazione di una tettoia o di una pensilina, in generale, la normativa prevede che, se di ridotte dimensioni, possono essere montate liberamente, anche se tali regole variano da Comune a Comune. Nel dettaglio:

  • la tettoia: se realizzata solo per scopi estetici e di dimensioni modeste, non richiede alcun tipo di autorizzazione. Se, invece, è più grande e aumenta la volumetria dell’edificio, necessita di un permesso. Inoltre, occorre rispettare le distanze minime stabilite dal Comune nel caso ci siano fabbricati limitrofi e accertarsi che non vi siano vincoli architettonici o paesaggistici. A questo c'è da aggiungere che in alcuni condomini va richiesto il nulla osta da parte dell'assemblea.

  • la pensilina: essendo una struttura sporgente semplicemente ancorata alla facciata del fabbricato, può essere installata liberamente, a meno che non comporti una variazione del prospetto, nel caso, ad esempio, sia troppo estesa. Anche per quanto riguarda le pensiline occorre rispettare le distanze minime tra gli edifici.

In ogni caso, il consiglio è di verificare le norme vigenti nel proprio Comune e le regole condominiali prima di installare una tettoia o una pensilina.