Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere le tavole in legno

Il legno possiede un fascino antico impossibile da imitare. Accogliente e caldo, è un materiale capace di regalare una forte personalità all'ambiente domestico. Le tavole in legno si prestano per svariati progetti di fai da te e hobbistica e per la realizzazione di complementi d’arredo come mobili, tavoli e molto altro.

green quotes opensOgni tavola di legno possiede una sua personale nota caratteristica, come una spaccatura o un nodo, che la rende unica.green quotes closes


Tavole in legno per i lavori di fai da te e hobbistica

Tavole in legno per i lavori di fai da te e hobbistica

Se ami dedicarti alla realizzazione di progetti di fai da te con il legno, saprai che questo materiale così duttile è capace di regalare grandi soddisfazioni. Ogni tavola di legno possiede infatti una sua personale nota caratteristica, come una spaccatura o un nodo, che la rende unica.

Per i tuoi lavori di hobbistica le tavole in legno sono quindi la soluzione ideale per dare vita a progetti creativi o funzionali come un solido tavolo da giardino, un originale angolo bar o una scrivania per i tuoi bambini. La grande versatilità del legno rende questo materiale adatto a varie tipologie d'impiego per impreziosire sia gli ambienti interni che quelli esterni.

Sebbene il legno sia stato sostituito da materiali che offrono soluzioni più economiche come l'acciaio o la plastica, resta comunque la scelta più apprezzata per arredare la casa o per i lavori di fai da te o hobbistica.

Scegli le dimensioni, lo spessore e il materiale più adatto alle tue esigenze per dare vita a progetti pensati per adattarsi alle tue necessità di spazio. Oppure reinventa il tuo open space attrezzandolo con panche e tavolini per vivere all'aperto la stagione calda.

DAI UN’OCCHIATA ALLE TAVOLE IN LEGNO

Il legno offre numerosi vantaggi, sia a livello estetico che strutturale:

  • robustezza: i legni di buona qualità hanno il grande vantaggio di resistere agli urti e alle sollecitazioni anche prolungate. A differenza della plastica e dell'acciaio, il legno tende a mantenere la propria forma originale e quindi a non deformarsi.

  • resistenza: il legno è un materiale estremamente longevo che se curato può durare innumerevoli anni, senza perdere nel tempo la sua naturale bellezza.

  • estetica: un materiale complesso come il legno regala sempre all'ambiente un pizzico di ricercatezza. Le sfumature di colore, le venature e il profumo emanato dal legno conferiscono all'ambiente un piacevole calore casalingo.


Quale essenza legno è meglio scegliere?

Quale essenza legno è meglio scegliere?

Le tavole in legno possono poi essere il punto di partenza per tantissimi progetti di fai da te sia per arredare l'interno della tua abitazione, che gli esterni. Naturalmente non tutte le tipologie di legno sono uguali, e ogni tavola racchiude caratteristiche specifiche che la rendono adatta ad un utilizzo mirato. I vari tipi di legno possono infatti essere più o meno resistenti all'umidità, al calpestio, alla deformazione e anche al fuoco. Per questo è importante conoscere le proprietà dei vari tipi di legname prima di procedere all'acquisto.

Per i tuoi lavori di fai da te e hobbistica scegli tra queste tipologie di legno:

Abete

Abete

Il legno di abete viene spesso impiegato per la realizzazione di mobili rustici, poiché è un legno a pori aperti. Le tavole in legno di abete hanno indistintamente una colorazione chiara tendente al bianco giallino. Le venature non sono molto marcate e tendono verso una colorazione rossastra.

Tra le caratteristiche più apprezzate spicca sicuramente quella che rende questo legno un buon isolante termico. Il legno di abete tende infatti a trattenere il calore all'interno delle abitazioni durante i periodi freddi ed impedisce, durante l'estate, che il caldo penetri all'interno. Il legno di abete ha inoltre una buona capacità di isolamento acustico.

Le tavole in legno di abete sono leggere e facilmente lavorabili data la particolare tenerezza del legname. Sono molto elastiche, caratteristica che permette a questo legno di flettersi senza spaccarsi. Essendo però facilmente preda di muffe e insetti è un legno sconsigliato per essere utilizzato in ambienti esterni o comunque soggetti all'umidità.

L'abete è un albero considerato ecologico, dato che ha una crescita piuttosto rapida. Questa particolare velocità di crescita rende inoltre il legno di abete piuttosto economico.

Nonostante esistano circa una cinquantina di specie raggruppabili nella famiglia degli abeti, i più utilizzati sono l'abete bianco, l'abete rosso e l'abete di Douglas.

SCOPRI LE TAVOLE IN ABETE

pino

Pino

Nella classificazione dei legni, quello del pino è inserito nella categoria dei legni morbidi. La colorazione naturale di questo tipo di legno è tendenzialmente chiara, come quella dell'abete, ma si differenzia per la presenza di un maggior numero di venature.

Molto resinoso, è comunque un legno tenace che si presta ad essere facilmente lavorato e sottoposto a processi di verniciatura e incollaggio.

Il legno di pino ha una discreta resistenza all'aggressione degli agenti atmosferici, sebbene soffra l'attacco di funghi e insetti. Le tavole in legno di pino si prestano ad essere utilizzare per lavori di falegnameria o di carpenteria.

DAI UN’OCCHIATA ALLE TAVOLE IN PINO

Faggio

Faggio

Le colorazioni del legno di faggio virano dal biondo al rossiccio ed è un tipo di legname di media durezza, fattore che lo rende pesante. Facilmente lavorabile, il legno di faggio risulta piuttosto resistente. Possiede una buona resistenza agli urti e resiste alle sollecitazioni e alla flessione. Nonostante sia un legno tenace e resistente, risulta piuttosto sensibile all'umidità che tende a deformarlo. Questo tipo di legname, piuttosto compatto, è sensibile all'attacco di tarli e funghi. Per questa sua predisposizione è quindi buona norma trattarlo adeguatamente. Poco impermeabile, non è consigliato utilizzarlo per progetti esterni. Le tavole in legno di faggio possono invece essere impiegate in lavori di falegnameria e nella realizzazione di complementi d'arredo o mobili rustici.

VEDI TUTTE LE TAVOLE IN FAGGIO

leggi di più

Douglasia:

Dall'abete di Douglas (Abete americano - Douglasia costiera) si ricava un legno resinoso che si presenta con una colorazione chiara e ricca di striature che virano verso il rosso vivido. Questo legname presenta una discreta massa volumica e ha una durezza media bassa, di poco superiore a quella dell'abete rosso. La buona lavorabilità del legno ricavato dall'abete di Douglas è determinata dall'età dell'albero di provenienza. Un albero anziano permette infatti una buona lavorabilità, al contrario degli esemplari più giovani che invece hanno un legname che tende a lacerarsi. La resina presente nelle fibre lo rende un legno dalla durabilità discreta. Il legno di abete di Douglas può essere verniciato e lucidato, ma dimostra una scarsa predisposizione ad essere trattato con impregnanti a base di oli. Risulta comunque un legno adatto a resistere alle intemperie e alle aggressioni derivate dall'umidità, per questo motivo può essere impiegato in progetti sia esterni che interni. Per l'assenza di nodi e grazie alla colorazione calda, questo legno è largamente utilizzato nei lavori di falegnameria come mobili, tasselli di parquet o infissi. La resistenza meccanica e la facile lavorazione di questo legname lo colloca tra i legni più apprezzati nei progetti di carpenteria. Può anche essere scelto per rivestire facciate, terrazzi o balconi. Oppure nella realizzazione di scale, pavimenti o finestre.

 

Pioppo:

Tra le varie tipologie di legname, quello di pioppo è particolarmente adatto per essere utilizzato nella realizzazione di pannelli di compensato o listellare. Questa sua predisposizione deriva dalla sua buona lavorabilità, il legno di pioppo è infatti un legname a pasta morbida anche se ha buone caratteristiche di resistenza. Nonostante sia un legno leggero, risulta resistente alle flessioni e alle trazioni. Questa caratteristica lo rende ideale per essere impiegato nel settore immobiliare. Il legno di pioppo si presenta con una colorazione chiara e piuttosto omogenea, fattore che lo rende un legno dalle sfumature neutre. Il legno di pioppo può essere laccato senza grandi difficoltà, ma è difficile intervenire con processi di levigatura. L'impregnabilità di questo legname è piuttosto scarsa e risulta sensibile alle aggressioni di funghi e insetti.

 

Rovere:

Il legno di rovere è il perfetto mix tra eleganza e resistenza, caratteristiche fondamentali che rendono questa tipologia di legname particolarmente apprezzata per aggiungere inserti in legno nella propria abitazione. Quello di rovere è infatti un legno raffinato e pregevole, che alle caratteristiche estetiche unisce ottime prestazioni quali resistenza e durevolezza. Il legno di rovere ha una bellissima colorazione brunita, con sfumature tendenti al giallo. Questo legno è poi presente in commercio in varie tipologie: americano, giapponese ed europeo. A seconda della varietà selezionata si avranno sfumature di giallo più o meno intense. Scegliere il legno di rovere per i propri progetti, significa avvalersi di un materiale estremamente resistente alle sollecitazioni esterne e capace di assorbire gli urti. Il rovere è inoltre un legno stabile e durevole, caratteristiche che si consolidano e migliorano con la stagionatura. Il rovere è un legno che non teme l'aggressione degli agenti atmosferici, come umidità e salsedine, ed è in grado di resistere all'invecchiamento senza patire gli attacchi di muffe e insetti. La sua buona lavorabilità e la facilità di taglio, lo rendono la scelta preferita anche per realizzare superfici curve. Si presta ad interventi di finitura ed è ottimo per realizzare mobili, finestre, pavimenti in parquet e porte. Il legno di rovere, come già detto, è estremamente resistente anche se tende ad imbarcarsi.

 

DAI UN’OCCHIATA ALLE TAVOLE IN LEGNO

green quotes opensLe sfumature di colore, le venature e il profumo emanato dal legno conferiscono all'ambiente un piacevole calore casalingo.green quotes closes


Distinzione tra prima scelta e seconda scelta

Distinzione tra prima scelta e seconda scelta

I legni non sono tutti uguali, tantomeno le tavole che ti occorrono per i tuoi progetti di fai da te. Prima di procedere all'acquisto è quindi opportuno considerare un fattore cardine, ovvero la distinzione qualitativa dei materiali. Questa selezione è molto importante per determinare le caratteristiche del legno, la spesa complessiva e la qualità del legname.

Le tipologie di legname si dividono sostanzialmente in legni pregiati, e quindi di prima scelta, e legni di qualità medio bassa di seconda scelta. Come riconoscere un legname di prima scelta? In realtà è molto semplice!

leggi di più

Il legno di prima scelta è caratterizzato dall'assenza, o da una bassa presenza, di nodi tra le venature. I nodi presenti nel legno dovranno rispondere a dei requisiti qualitativi importanti e dovranno necessariamente essere di piccole dimensioni e legati. Questo significa che i nodi non dovranno in alcun modo fuoriuscire dal legno, lasciando antiestetici buchi, ma dovranno rimanere perfettamente saldi al resto della tavola. Inoltre, i nodi non dovranno sporgere, quindi non essere in rilievo, ma presentarsi alla vista e al tatto quasi come se fossero disegnati sulla tavola.

Altri fattori determinanti da tenere in considerazione nella scelta di una tavola sono la presenza di sacche di resina, fenditure e imperfezioni dovute alla piallatura. Queste caratteristiche, se evidenti e importanti, determinano una tavola di seconda scelta.

Anche l'essiccazione del legno gioca un ruolo fondamentale nella distinzione tra prima e seconda scelta. Un grado di umidità eccessivamente elevato può infatti compromettere le prestazioni della tavola una volta posata o utilizzata. La tavola potrebbe infatti imbarcarsi, spostarsi o ridursi di dimensione lasciando in questo modo degli antiestetici spazi tra una tavola e l'altra.


Legno massello e legno lamellare massello

Il mondo del legno è pieno di sfaccettature e distinzioni che in alcuni casi possono davvero fare la differenza. Quando si sceglie una tavola per realizzare dei progetti di fai da te, è importante conoscere quanto più possibile le varie differenze tra una tipologia di legname e l'altra. Andiamo quindi a scoprire più nel dettaglio quali sono le differenze sostanziali tra una tavola in legno massello e le tavole di legno lamellare massello.

Nella tua scelta dovrai tenere conto di alcuni fattori rilevanti. Le tavole di legno massello possiedono una bellezza e un'eleganza senza tempo, capace di riscaldare l'ambiente. Il massello è un legno pregiato, durevole ed estremamente resistente. Le piccole variazioni che subisce nel tempo e che possono modificarne il colore o le dimensioni, lo rendono un materiale unico.

Le tavole in legno lamellare offrono invece il vantaggio di un materiale che mantiene ben salda la propria struttura. Leggero e duttile, il lamellare può essere modellato a seconda delle esigenze e non è vincolato in termini di dimensioni dall'albero di provenienza. I processi di lavorazione tendono però ad annullare nel lamellare qualsiasi difetto rendendolo di fatto un materiale meno caratteristico dal punto di vista estetico rispetto al legno massello.

leggi di più

Legno massello:

Tra i tipi di legname che possono essere definiti nobili spicca sicuramente il legno massello. La prima caratteristica che identifica e rende particolare questo tipo di legno è la sua derivazione. Il legno massello viene infatti ricavato direttamente dal cuore dell'albero, ovvero dalla parte più massiccia e resistente dell'intero tronco. Questa sua particolarità lo rende la scelta preferita per realizzare mobili di alta qualità, resistenti e capaci di durare a lungo nel tempo. La bellezza perfetta di questa tipologia di legname è poi impreziosita da piccoli difetti che lo rendono inimitabile come nodi, variazioni di colore, piccole crepe che ne attestano l'unicità. Utilizzate soprattutto per creare bellissimi complementi d'arredo, le tavole in legno massello vantano proprietà eccellenti. Questo legno è infatti elastico, resistente, isolante e durevole. Durante la lavorazione, il legno massello mantiene inoltre inalterate le caratteristiche proprie del legno vivo che lo rendono in grado di assorbire l'umidità. Altra particolarità di questa tipologia di legno, è la capacità di acquisire un colore più scuro con il trascorrere del tempo. Questa prerogativa, molto ricercata, lo rende il legno più apprezzato nella realizzazione di mobili robusti, dal carattere rustico e di grande qualità. Le tavole di legno massello hanno il pregio di non subire deformazioni durante gli anni mantenendo un aspetto compatto ed omogeneo, qualità che le rende elementi di grande pregio. Per poter essere utilizzate al meglio, le tavole in legno massello devono essere adeguatamente stagionate. Durante questo processo infatti, il legname perde l'umidità e tende a stabilizzarsi. La stagionatura del legno massello può avvenire sia attraverso processi di essiccazione artificiale, che in maniera del tutto naturale. Gli interventi poco invasivi che questo legno subisce, lo rendono un materiale vivo che di conseguenza nel corso della sua vita può subire lievi alterazioni sia nella forma che nel colore.

 

Legno lamellare massello:

Le tavole di legno lamellare, a differenza di quelle massello, subiscono un processo di lavorazione differente e meccanico. La struttura del lamellare si ottiene infatti attraverso l'incollaggio di tavole selezionate solitamente per un uso strutturale. Questo processo industriale mira a eliminare tutte quelle imperfezioni tipiche dei legnami in massello. Le tavole di legno lamellare sono dunque prive di nodi, fenditure o sacche di resina che rendono caratteristico il massello. La selezione delle essenze impiegate nelle tavole lamellari è molto accurata proprio per ridurre al minimo la presenza di difetti strutturali o estetici. Le tavole in legno lamellare non hanno poi limiti di dimensioni, a differenza di quelle in massello che sono invece vincolate dalla grandezza dell'albero da cui vengono ricavate. Il legno lamellare offre molti vantaggi dato che è una tipologia di struttura facilmente lavorabile, leggera e flessibile. Queste caratteristiche lo rendono sensibilmente resistente alle sollecitazioni sismiche. Inoltre, vanta ottime capacità d'isolamento e un'ottima resistenza al fuoco. Il legno lamellare mantiene inalterate le proprie caratteristiche nel tempo, cosa che invece non avviene con il massello che in quanto materiale vivo tende a modificare la propria struttura. Tuttavia, nonostante il legno lamellare sia un materiale altamente performante, non possiede le stesse caratteristiche di resistenza e durevolezze tipiche del massello.


Il giusto spessore per una tavola in legno

Nella scelta delle tavole in legno grezzo per i tuoi progetti di hobbistica è fondamentale selezionare il giusto spessore del legname. Ogni tavola infatti ha uno spessore variabile che può andare dai 7 mm ai 70 mm. In base al tipo di lavoro che dovrai eseguire è quindi fondamentale selezionare la tavola con il giusto spessore.

Questo fattore determina infatti molte variabili come ad esempio la resistenza. Una tavola particolarmente sottile è quindi indicata per essere impiegata, ad esempio, come fondo di un cassetto, dato che non avrà la necessaria resistenza a sostenere grandi carichi. Viceversa, le tavole con uno spessore maggiore sono indicare per realizzare mobili, tavoli, sedie, porte o strutture abitative considerata la resistenza alle trazioni e alle sollecitazioni esterne. Le tavole con uno spessore maggiore tendono inoltre a deformarsi meno e a non incorrere in spaccature. Sono poi più resistenti all'aggressione degli agenti atmosferici e all'umidità, soprattutto se per le finiture sono scelti prodotti impregnanti e capaci di proteggerne la salute nel tempo.


Dimensioni delle tavole in legno

Anche la scelta della dimensione delle tavole in legno grezzo è importante, e si basa fondamentalmente sull'utilizzo finale che se ne dovrà fare. Le misure possono infatti variare da 20x80 centimetri fino a 80 centimetri per 3 metri.

Le dimensioni delle tavole sono infatti adattabili a moltissimi impieghi che possono andare dalla creazione di una mensola alla struttura di un mobile d'arredamento più complesso. In base alle esigenze è possibile acquistare una tavola standard e quindi pronta all'uso, oppure scegliere una tavola di dimensioni più ampie e usufruire del servizio di taglio del legno completamente gratuito direttamente in negozio. In questo modo è possibile modulare la dimensione delle tavole a seconda dell'esigenza.