Visore la scelta facile
GUIDE ALLA SCELTA

Come scegliere i cuscini d’arredo

Vorresti portare un po’ di novità in casa e rinfrescarne lo stile, ma il budget non lo permette? Non serve cambiare l’arredo! A volte basta intervenire sui dettagli, ad esempio cambiando i cuscini. Con una piccola spesa, puoi creare uno stile tutto nuovo. E allora, divertiti a mixare colori, fantasie, forme e tessuti e vedrai che risultato.

green quotes opensPunta tutto sui cuscini: il modo meno impegnativo ed economico per rinnovare la zona giorno.green quotes closes


Quale stile di cuscini scegliere?

Quale stile di cuscini scegliere

Un soggiorno senza cuscini appare indiscutibilmente spoglio e trascurato. I cuscini sono elementi imprescindibili, non solo per rendere più comodi il thè con le amiche e le serate davanti alla TV, ma soprattutto perché ti permettono di esprimere appieno lo stile che hai scelto per la tua casa.

Ogni tanto è bello cambiare e portare aria nuova in casa, e spesso basta cambiare piccoli dettagli per rinfrescare lo stile di un ambiente. Con i cuscini è possibile farlo anche con un piccolo budget. E allora, divertiti a mixare forme, colori, tessuti e decori per dare un tocco del tuo stile alla stanza.

Non ci sono regole, ma solo semplici consigli che ti offriamo in questa guida. Innanzitutto, per scegliere i cuscini o le fodere per cuscini in modo coerente casa tieni conto dello stile della casa, del colore del divano e della funzione che dovranno assolvere.

SCOPRI TUTTI I CUSCINI E FODERE

Scegli in base al tuo ambiente:

Cuscini stile classico

Per uno stile classico

Morbidi velluti, colori avvolgenti e sobri, fantasie floreali in devoré o jacquard per uno stile molto chic.

Via libera alle soffici tele e ai colori pastello se ami anche tu lo stile Shabby, per un’atmosfera molto romantica e soffice.

Cuscini stile moderno

Per uno stile moderno

Ami lo stile scandinavo? Linee pulite, fantasie geometriche e colori pastello saranno perfetti per te.

Texture materiche, in materiali naturali o meglio ancora riciclati, colori caldi e avvolgenti ricreano tutto il mood dello stile vintage e industriale.

E per sentirti sempre un po’ in vacanza puoi puntare tutto su frange, pon-pon e fantasie boho.

Cuscini bimbo

Per i bambini

Nelle camerette dei bimbi non possono mancare morbidi cuscini, con colori vivaci e forme giocose per stimolare la loro creatività. Ce n’è di ogni tipo: ciambelle, gelati, nuvolette, stelline, unicorni, pinguini e molte altri soggetti divertenti.

Quanti cuscini occorrono?

quanti cuscini occorrono

Puoi decidere quanti cuscini mettere in base alle dimensioni del tuo divano. Non esiste una regola precisa o un limite insuperabile. In linea generale, è sempre meglio ricercare la proporzione e tenere come numero di partenza il numero di posti del divano.

Ad esempio, per un divano a 3 posti dovresti mettere almeno 3 cuscini, ma potresti metterne anche qualcuno in più, secondo il tuo gusto, avendo cura di scegliere un numero dispari (5 cuscini o 7).

Se ami l’arredamento minimalista, opterai per due o tre cuscini. Se preferisci uno stile più colorato e creativo, potrai ricoprire interamente il divano di tutti i cuscini che hanno risvegliato la tua fantasia, fino a non avere un centimetro di divano libero.

Come posizionare i cuscini:

Come posizionare i cuscini
  • Per creare una disposizione simmetrica posiziona innanzitutto i cuscini in corrispondenza dei braccioli per poi procedere verso l’interno, creando un effetto di contenimento.

  • Una disposizione asimmetrica, invece, purché equilibrata e ordinata, crea un effetto accogliente e caldo.

Come scegliere il colore e la fantasia dei cuscini?

Come scegliere il colore e la fantasia dei cuscini

Quando si tratta di colori e fantasie c’è l’imbarazzo della scelta. Scegliere un solo colore offrirebbe un risultato monotono e noioso. L’ideale è creare una combinazione di tinte unite e fantasie.

Se un tempo i cuscini si sceglievano rigorosamente in tinta con le tende, oggi non è più così. L’ideale è che almeno uno dei colori scelti per i cuscini riprenda il colore della tenda o che la fantasia sia simile, seppur non identica.

Come scegliere cuscini tinta unita o fantasia:

Cuscini tinta unita o fantasia
  • combina almeno tre fantasie diverse con cuscini in tinta unita, per creare un effetto interessante ma non caotico.

  • le fantasie devono avere qualcosa in comune: il colore, lo stile, il pattern.

  • parti da un cuscino che colpisce la tua attenzione e hai già trovato una delle tre fantasie. Di questo cuscino, osserva con attenzione i colori presenti e il tipo di fantasia.

  • il secondo e il terzo cuscino dovranno avere qualcosa di simile al primo: uno dei colori o un pattern simile. Ad esempio puoi combinare pois piccoli con pois grandi.

  • riempi con cuscini a tinta unita delle tonalità simili a quelli presenti nei cuscini fantasia.

  • un trucco di stile? I cuscini double face permettono di cambiare velocemente lo stile del divano.

Come abbinare i colori dei cuscini tra loro:

Come abbinare i colori dei cuscini tra loro
  • tono su tono: il punto di partenza è il colore del divano al quale abbinare cuscini di diverse gradazioni della stessa tonalità di colore. Ad esempio, se il divano è blu, puoi scegliere tonalità di azzurro e turchese, più chiare e più scure.

  • contrasto: in una casa dove c’è un colore predominante come il grigio, puoi creare un effetto di impatto scegliendo due colori intensi e vivaci in contrasto tra loro, come il giallo senape e il verde bosco.

  • policromia: se ami i forti contrasti e i colori vivaci non ci sono regole a cui attenersi. Puoi creare il tuo mix unico di colori e fantasie come più ti piace.

Scegli il colore che preferisci e che si adatta meglio alla stanza:

Cuscini nei toni bianchi e naturali

Cuscini nei toni bianchi e naturali

I colori chiari come bianco, crema, avorio e ecru trasmettono una sensazione di luce, eleganza e pulizia.

Cuscini nei toni del marrone

Cuscini nei toni del marrone

Il colore della terra, ha un effetto rasserenante e infonde sicurezza.

Cuscini nei toni del giallo, arancione e rosso

Cuscini nei toni del giallo, arancione e rosso

Colori stimolanti ed energizzanti che creano gioia e allegria.

Cuscini nei toni del rosa, lilla, viola

Cuscini nei toni del rosa, lilla, viola

Le tonalità del rosa si prestano bene in tutti gli ambienti per dare un tocco di raffinata classicità.

Cuscini nei toni del blu e del verde

Cuscini nei toni del blu e del verde

Tonalità fredde che richiamano l’acqua e la natura e infondono un senso di purezza e calma.

Cuscini nei toni del grigio e nero

Cuscini nei toni del grigio e nero

Tonalità eleganti e sofisticate, che si adattano in tutti gli ambienti di stile contemporaneo

Dettagli e finiture dei cuscini:

Dettagli e finiture dei cuscini

Perché non giocare anche con il colore dei dettagli e delle finiture del cuscino? Possono fare la differenza e servirti per creare un accostamento di tonalità piacevole e armonico.

  • Frange e pon-pon.

  • Bordi e passamanerie.

  • Piping, ovvero il bordino in raso che contorna e impreziosisce il cuscino.

green quotes opensAbbina il cuscino a un tappeto, riprendendo un colore o una texture, e la trasformazione è completa.green quotes closes


Forme e dimensioni dei cuscini

Quanto grande è il divano, la poltrona o il letto, su cui appoggerai i cuscini? Ti consigliamo di ricercare sempre l’armonia e la proporzione. Se il divano è piccolo, dei maxi cuscini offrirebbero un risultato disarmonico. Lo stesso dicasi per un divano molto grande con cuscini piccoli.

Forme e dimensioni dei cuscini

Puoi scegliere cuscini per divani di diverse dimensioni: i più piccoli (35x35 cm), i medi (45x45 o 30x50) e i grandi (60x60). I cuscini grandi, almeno un paio, ti saranno utili per creare un po’ di supporto alla schiena, per leggere o guardare la TV. I maxi cuscini (oltre 80 cm di larghezza) sono perfetti per sedersi sul pavimento.

Per quanto riguarda la forma, puoi scegliere tra cuscini quadrati, rettangolari, cilindrici e rotondi. Puoi mixarli come più ti piace, non devi avere tutti i cuscini della stessa forma. Quelli cilindrici sono ideali come poggiatesta o supporto lombare.

Cuscini per pallet

E che dire poi dei cuscini per pallet? Rettangolari o quadrati, sono cuscini da esterno perfetti come base per un divano fai da te realizzato con semplicissimi pallet in legno.

Per la cameretta dei bambini puoi sbizzarrirti scegliendo cuscini dalle forme più disparate: stella, nuvoletta, pinguino, robot, unicorno…


Tipo di tessuto dei cuscini

La composizione del tessuto e la sua lavorazione determinano la trasparenza, l'aspetto e la facilità di manutenzione del cuscino.

leggi di più

Fibre vegetali e naturali:

 

  • cotone: una fibra tessile ricavata dalla peluria che riveste i semi della pianta omonima. Il tessuto 100% cotone è leggero, robusto e di facile manutenzione. Si lava e si stira anche ad alte temperature.

  • lino: una fibra naturale cellulosica che si ottiene dalla lavorazione della corteccia del lino dopo la sua macerazione. Il tessuto 100% lino è fresco, lucente e piacevole al tatto. È antistatico e resistente all'umidità, si può lavare molte volte e va stirato con cura. Se invece apprezzi l'effetto stropicciato, il trattamento délavé permette di avere questo effetto con poca manutenzione.

  • viscosa: è una fibra artificiale ottenuta da una sostanza vegetale, ovvero la cellulosa del legno sottoposta a trattamenti fisico-chimici. Morbida e piacevole al tatto, la viscosa è robusta e resistente all’usura al pari del cotone, ma si sgualcisce più facilmente rispetto a esso.

  • ramié: una fibra tessile molto antica, tratta dalla corteccia di una pianta erbacea. È detta seta vegana perché è 100% vegetale. Il tessuto ottenuto con il ramié è lucente, resistente e con una trama leggermente irregolare.

  • juta: una fibra tessile ricavata dalla pianta omonima, spesso unita a seta e lana per la creazione di tessuti molto resistenti.

  • canapa: fibra tessile estratta mediante macerazione e battitura dalla pianta omonima, originaria dell'Asia ma coltivata oggi anche in Italia. Con la canapa si realizza un tessuto robusto che non richiede particolari attenzioni e può̀ essere lavato in lavatrice.

 

Fibre sintetiche:

  • mistocotone: una fibra mista che unisce cotone a fibre sintetiche, garantisce resistenza e una facile manutenzione.

  • mistolino: una fibra mista che unisce lino a fibre sintetiche. È molto resistente e piacevole al tatto ed è facile da lavare e stirare.

Lavorazione del tessuto

Il tessuto si forma dall'intreccio dei fili. I fili verticali dell'ordito, disposti paralleli e tesi sul telaio, si intrecciano con quelli orizzontali della trama. Il diverso modo di intrecciarsi dei fili si dice armatura e definisce la forza e l’aspetto del tessuto.

leggi di più

Nei tessuti per arredamento le più comuni sono:

 

Tela

L’armatura più semplice. Ogni filo della trama passa alternativamente sopra e sotto ogni filo dell'ordito. Le tele sono leggere e resistenti, possono essere della stessa tinta o di due colori differenti, a formare piccoli scacchi.

 

Panama

Anche conosciuto con il termine francese natté, è una variante dell’armatura tela il cui intreccio ricorda quello dei cestini in paglia, come appunto il termine suggerisce. Natter in francese significa infatti intrecciare. Come per la tela, la trama passa sopra e sotto l’ordito usando però un numero maggiore di fili insieme, ottenendo così un effetto quadrettato, robusto e regolare.

 

Jacquard

È una lavorazione che produce dei disegni e dei motivi complessi, intrecciando fili di vari colori grazie a dispositivi speciali fissati al telaio.

 

Devoré

È una lavorazione del tessuto il cui nome francese significa letteralmente “divorato”. È una tecnica di stampa che realizza dei motivi rimuovendo alcune parti di fibra con un trattamento a base di sostanze chimiche che le sciolgono e le rendono trasparenti, favorendo la visualizzazione dei motivi costituiti dalle fibre non trattate.

 

Fil coupé

Significa letteralmente filo tagliato. È un tessuto leggero realizzato tramite una lavorazione che permette di ottenere disegni a rilievo anche a più colori.

 

Velluto

È una lavorazione molto comune, che utilizza due trame e un solo ordito. In una delle due trame viene usato un filo di pelo. Il risultato è un tessuto molto spesso, morbido e brillante. Si può realizzare con fibre naturali o sintetiche.

 

Suèdine

È un tipo di tessuto che riproduce molto bene l’effetto della pelle scamosciata, con fibre naturali o sintetiche.

 

Finta pelle

Riproduce fedelmente l’aspetto della pelle ma è ottenuto rigorosamente da materiali di origine non animale, solitamente di tipo sintetico (poliestere, poliuretano) e vegetale (cotone).


Come lavare i cuscini

Puoi lavare i cuscini ogni volta che occorre. Rimuovi l’imbottitura, gira la fodera al rovescio e chiudi la cerniera prima del lavaggio. Segui attentamente le indicazioni riportate sulla confezione, o sull’etichetta posta internamente alla fodera, attraverso i relativi simboli.

leggi di più
lavaggio e temperatura

La vaschetta è il simbolo usato per le informazioni relative al lavaggio in lavatrice e il numero riportato all'interno indica la temperatura massima consigliata in gradi centigradi, 30°, 40°e 60°.

 

lavaggio a mano

Se il simbolo riporta una mano all'interno della vaschetta, significa che il lavaggio deve essere eseguito solo a mano e a una temperatura massima di 40°.

 

lavaggio a secco

Se il simbolo riporta una croce sulla vaschetta, indica che la tenda va lavata a secco.

 

lavaggio a secco solvente

Il lavaggio a secco è anche indicato con un cerchio al cui interno è riportata la sigla del tipo di solvente che la lavanderia dovrà utilizzare.

 

candeggio

Il triangolo è il simbolo del candeggio.

 

candeggina

Se nel triangolo c'è la sigla CL allora si può trattare la tenda con candeggina.

 

no candeggio

Se il triangolo è cancellato con una croce, non è possibile candeggiare.

 

stiratura

Il ferro da stiro è il simbolo relativo alle informazioni sulla stiratura. La temperatura consigliata è indicata dai punti neri riportati sul ferro. Un punto per le basse temperature (max 100°), due punti per le medie (max 150°) e tre punti per le alte temperature (max 200°).

 

no stiratura

Il simbolo del ferro cancellato da una croce indica che per questa tenda non è consigliata la stiratura.

 

asciugatrice

Un cerchio inserito in un quadrato indica che la tenda si può mettere in asciugatrice.

 

no asciugatrice

Una croce sul quadrato con cerchio indica che la tenda non si può mettere in asciugatrice.